19° Capitolo Provinciale della Società San Paolo

Gesù Maestro
logo capitolo

Informazione n° 1

Nel pomeriggio di martedì 9 del corrente mese noi capitolari siamo giunti nella Casa “Divin Maestro” ad Ariccia col vivo desiderio di versare simbolicamente nella Congregazione tanto di quel verde intenso, parte di questo lago quieto e spicchi di cielo azzurro, che per primi ci sono pervenuti agli occhi e allo spirito. Ci siamo salutati e accolti fra noi; sono state assegnate le rispettive camere; abbiamo concluso la giornata con l’adorazione eucaristica e il canto dei Vespri.

La mattina di mercoledì 10 si è aperta con la liturgia delle Lodi e alle 9 in punto il Superiore Provinciale don Eustacchio Imperato ha introdotto l’assemblea all’ordine del giorno ragguagliandola sull’orario e i primi impegni dei capitolari. Sarebbe stata una giornata “illuminativa”, come si è espresso don Primo Gironi introducendo la sua meditazione sulla testimonianza dell’Apostolo: “Tutto faccio per il Vangelo” (1Cor 9,23), che costituisce il tema ispiratore dell’ultimo Capitolo Generale come pure del Capitolo Provinciale in corso. Nel suo magistrale approfondimento esegetico don Primo ha esplicitato il significato di vangelo, salvatore e benefattore: appellativi che l’apostolo di Tarso ha mediato dal culto all’imperatore e applicato in senso assolutamente diverso alla missione di Gesù. Il nostro confratello biblista ha ben accentuato infatti la differenza tra il benefattore “onorato”, che era Cesare, e il benefattore “disonorato”, che sarebbe stato il Cristo, crocifisso come un maledetto secondo la mentalità giudaica del tempo.

A don Gironi è subentrato don Marco Sanavìo, della diocesi di Padova, che ha trattato dello Scenario della Comunicazione oggi, rispondendo alla triplice domanda: Perché noi abbiamo smesso di ascoltare? Perché abbiamo smesso di pensare? Perché abbiamo smesso di osare? Nella risposta alla prima domanda è emerso che tanti sono gli isolati, i soli e gli arrabbiati; alla seconda si risponde che sono i media medesimi ad azzerare il tempo e la possibilità di pensare; nella terza risposta si è evidenziata la tendenza in certi contesti a programmare un futuro multimediale.

Alle ore 15 ci raduniamo di nuovo nella sala capitolare. Il Provinciale apre ufficialmente il Capitolo con la lettura dell’articolo 196 delle Costituzioni, che riguarda il Capitolo Provinciale, come pure presenta l’elenco dei partecipanti all’attuale Capitolo, fra i quali il Superiore Generale. Ci informa poi sulle sue finalità: elaborazione di un programma per la Provincia su indicazioni programmatiche affidate dal Superiore Generale alla medesima, elezione dei Consiglieri del Governo Provinciale. Ci ha invitati perciò a coinvolgerci con umiltà, sano realismo e verità.

Alle 15,40 il Superiore Generale don Valdir Josè de Castro interviene in Assemblea presentandosi con forte emozione quale successore del compianto don Silvio Sassi. “Per intervento della Divina Provvidenza – egli confessa – portiamo avanti il suo mandato”. Quindi riprende in sintesi e ci fa riflettere sulle linee programmatiche affidate alla Provincia Italia.

Tanto proficua è stata l’istruzione di monsignor J. Rodriguez Carballo, ofm, Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita consacrata e le Società di Vita Apostolica, su Vita consacrata oggi e servizio dell’autorità. Il prelato nell’omelia alla celebrazione eucaristica ci ha affidato anche un prezioso lascito, espresso in sei parole: gratitudine, passione, speranza, profezia [che è chiamare, denunciare, annunciare, intercedere], vangelo, partiamo per osare e testimoniare.

Strada facendo, in pomeriggio si sono attivati per primi nella propria funzione i due Scrutatori [don Guido Colombo e don Giuseppe Musardo] per l’approvazione del Regolamento e quindi sono stati eletti due Attuari [don Agatino Gugliara e don Marcello Lauritano], il Segretario [don Carlo Cibien], due Moderatori [don Gerardo Curto e don Sante Sabatucci] e il Redattore dell’informazione [don Angelo De Simone], il quale, a Dio piacendo, ve la inoltrerà ogni giorno sino alla chiusura del Capitolo.

Cari Fratelli e Sorelle, con rendimento di grazie e nella semplicità del cuore continuate a invocare su di noi lo Spirito Santo con i suoi doni, perché ci illumini e ci guidi.

Ariccia, 10 giugno 2015

Don Angelo De Simone


Scarica il pdf: Informazione n° 1.

  • Don Ptimo Gironi.

    Don Ptimo Gironi.

  • Don Marco Sanavìo.

    Don Marco Sanavìo.

  • Da sinistra, don  Valdir Josè de Castro, Sup. generale, monsignor J. Rodriguez Carballo, ofm, Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita consacrata e le Società di Vita Apostolica, don Eustacchio Imperato, Sup. provinciale.

    Da sinistra, don Valdir Josè de Castro, Sup. generale, monsignor J. Rodriguez Carballo, ofm, Segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita consacrata e le Società di Vita Apostolica, don Eustacchio Imperato, Sup. provinciale.

  • La celebrazione eucaristica.

    La celebrazione eucaristica.

  • Foto di gruppo alla fine della prima giornata dei lavori capitolari.

    Foto di gruppo alla fine della prima giornata dei lavori capitolari.

inserito: 11 giugno 2015 alle 19:05